COPAGRI PUGLIA: XYLELLA, L’ARCHIVIAZIONE DELL’INCHIESTA NON ASSOLVE I GRAVI E COLPEVOLI RITARDI BUROCRAZIA

“Con l’archiviazione dell'inchiesta riguardante la diffusione della Xylella, disposta dalla Procura di Lecce, non vengono assolti i ritardi della burocrazia, che abbiamo ripetutamente lamentato; nel testo dell’istanza, infatti, si legge chiaramente che le molteplici irregolarità, unite al ‘pressapochismo’ e alla ‘negligenza’ nella gestione dell’emergenza, non hanno fatto altro che favorire il diffondersi del batterio, che ha distrutto il paesaggio della nostra bella Regione e causato danni stimati in oltre un miliardo di euro, facendo sì che andasse perso oltre un terzo della produzione olivicola della Regione Puglia, pari a oltre 900mila quintali di olio d'oliva”. Così il presidente della Copagri Puglia Tommaso Battista dopo il pronunciamento di archiviazione del Gip di Lecce nei confronti di dieci indagati, accusati a vario titolo di diffusione colposa della malattia, inquinamento ambientale e deturpamento delle bellezze naturali.

“Con l’istanza, inoltre, viene avallata dalla magistratura una tesi che abbiamo sempre sostenuto, ovvero che il non aver proceduto agli abbattimenti in tempi rapidi e il non aver applicato il piano redatto dal Commissario Silletti abbia favorito sensibilmente la diffusione della Xylella”, aggiunge il presidente della Copagri Puglia, che esprime la propria solidarietà nei confronti degli indagati nell’ambito dell’inchiesta, che era partita nel 2015 e aveva portato al sequestro preventivi degli ulivi.

“Speriamo ora che tutte le componenti istituzionali interessate da questa grave emergenza procedano senza indugio per rallentare la corsa della Xylella nel resto della regione Puglia”, sottolinea Battista, osservando che “i ritardi evidenziati nell’istanza della Procura hanno fatto sì che il numero di piante infette superasse i 10 milioni, comportando un enorme danno per un settore di vitale importanza per l’economia regionale e nazionale, che conta oltre 350mila imprese e rappresenta il 13,59% del totale delle aziende agricole italiane, per un valore della produzione di circa 4 miliardi di euro l’anno”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

EUROPEE, SALVINI: SEGNO DI UN’EUROPA CHE CAMBIA. LA MIA PAROLA VALE PIU DEI SONDAGGI, GOVERNO NON CAMBIA

EUROPEE, SALVINI: SEGNO DI UN’EUROPA CHE CAMBIA. LA MIA PAROLA VALE PIU DEI SONDAGGI, GOVERNO NON CAMBIATUTELEREMO ESIGENZE DELL'ITALIA IN UE, DEGLI AGRICOLTORI E DI TUTTE LE CATEGORIE

“Un successo incredibile. Solo 5 anni fa i giornali parlavano di una Lega in via di estinzione ora siamo il primo partito al Nord e al Sud. La festa dura una notte perché iniziamo subito a lavorare per i cittadini da domani mattina”. Così il leader della Lega Matteo Salvini […]



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi