COVID, IN USA COLPITI SOPRATTUTTO DONNE E PERSONE DI COLORE, PER LO PIU IMMIGRATI. DA CUI DIPENDONO SERVIZI ESSENZIALI

image_pdfimage_print

"Mentre l'America emerge piano piano da settimane di serrate, la pandemia ha avuto ripercussioni sui lavoratori che sono stati in prima linea per tutto il tempo". La Cbs news fa un'analisi sui segmenti professionali che sono stati in prima linea in questo momento emergenziale e che sono stati ritenuti essenziali e quindi più colpiti.

"Hanno imballato e consegnato i rifornimenti, si sono presi cura dei malati e degli anziani e hanno mantenuto puliti strade ed edifici.

Hanno anche visto i loro colleghi ammalarsi. Migliaia di persone si sono ammalate. Molti sono morti.

L'onere è stato sostenuto in modo disomogeneo per genere, razza e socioeconomia, secondo un'analisi dell'Associated Press sui dati del censimento nelle 100 città più grandi del paese. Sono per lo più donne, persone di colore e più probabilmente immigrati.

I lavoratori considerati "essenziali" hanno anche maggiori probabilità di vivere al di sotto della soglia di povertà federale o di librarsi appena al di sopra di essa. È più probabile che abbiano figli a casa, e molti vivono con altri che hanno anche un lavoro in prima linea.

"Ciò che è importante in questa pandemia è che ha messo in luce i lavoratori che sono sempre stati essenziali ma prima erano invisibili", ha detto David Michaels, professore di salute ambientale e occupazionale alla Milken Institute School of Public Health della George Washington University.

La Cbs prende in esame poi le categorie di lavoratori in questione:

Il custode

Il lavoro di Annette Brown era stato fonte di stabilità in una vita difficile.

Per sei anni, la madre single di due figli ha fatto il turno di notte per pulire il secondo piano di un ospedale di Halethorpe, nel Maryland.

L'epidemia ha reso la sua routine ancora più dura. Lascia il suo appartamento di Baltimora tre ore prima dell'inizio del suo turno e prende due autobus. Al mattino, prepara la figlia di 8 anni e il figlio di 11 anni per la scuola a distanza, cucina la cena e si fa qualche ora di sonno prima di ricominciare.

Il lavoro sindacalizzato le offre giorni di malattia retribuiti, un aumento annuale e un'assicurazione sanitaria - un lusso in un settore in cui quasi il 30% dei lavoratori ne è privo.

Non ha mai sperato di trovarsi a lavorare in un campo di battaglia pandemico. L'ospedale ora cura i pazienti della COVID-19, e la Brown è terrorizzata all'idea di andare al suo lavoro da 14,70 dollari all'ora che mantiene a malapena la sua famiglia al di sopra della soglia di povertà.

"Le persone stanno cadendo come mosche, e non voglio che succeda alla mia famiglia", ha detto.

Gli inservienti sono i lavoratori in prima linea finanziariamente più vulnerabili. Nella maggior parte delle città, più di un quarto vive al di sotto della soglia di povertà. Più del 40% sono di origine straniera e il 74% sono persone di colore.

A Baltimora, quasi il 75% di loro è di colore. Almeno 90 membri del sindacato della Brown, 32BJ SEIU, sono morti a causa del coronavirus. Altri 20.000 sono stati licenziati.

Il figlio della Brown le dice di non aver paura, dicendo: "La paura non è altro che il diavolo."

L'operatore sanitario

Linda Silva sapeva che qualcosa non andava quando ha iniziato a tossire di sabato a fine marzo. Il giorno dopo, l'assistente dell'infermiera si svegliò con dolori al petto, febbre, mal di testa e mal di schiena così forti da farle venire in mente i dolori del travaglio. Una settimana dopo è risultata positiva al COVID-19.

"Questo prima che ci rendessimo conto di avere dei casi di COVID nella nostra casa di cura", ha detto Silva, che lavora al Queens Nassau Nursing Center e al Beacon Rehab and Nursing Center di New York. "All'inizio non avevamo i giusti dispositivi di protezione personale".

Circa il 75% degli operatori sanitari nella maggior parte delle città sono donne. Sono tra i lavoratori in prima linea che hanno più probabilità di avere accesso all'assicurazione sanitaria, anche se il 7% ne è privo. E più dell'8% vive al di sotto della soglia di povertà federale.

Secondo l'American Nurses Association, almeno 54 infermiere sono morte a causa del coronavirus.

Silva è tornata al lavoro dopo essersi ripreso. È passato più di un mese da quando ha abbracciato i suoi due figli o suo marito, che è direttore della sicurezza antincendio di un edificio.

"Ci diciamo che ci amiamo ogni giorno e ci abbracciamo l'un l'altro e ci stringiamo l'uno all'altro", ha detto.

Il capotreno

Desmond Hill è uno scrittore musicale che suona il flicorno, ma si guadagna da vivere come capotreno della metropolitana di New York.

Il suo partner e altri cinque che conosce sono stati tra gli oltre 3.000 operai di autobus e metropolitane che sono risultati positivi. Altri 3.500, tra cui Hill, sono stati messi in quarantena per 14 giorni per esposizione. Quasi 6.000 sono tornati al lavoro.

Secondo la Metropolitan Transit Authority, almeno 83 lavoratori di New York City sono morti a causa del virus.

A New York City, più del 45% dei lavoratori in transito sono neri, il 20% sono bianchi e il 24% sono ispanici.

"A volte ti guardi fuori su un treno e pensi: 'chi sto muovendo in questo momento? Sto spostando i senzatetto avanti e indietro, perché sono qui fuori a fare questo?" ha detto Hill, che è tornato al lavoro.

Altre volte, Hill prova un senso di determinazione.

"Ci sono anche giorni in cui si possono vedere lavoratori essenziali, persone che vanno a lavorare nei negozi di alimentari, Target, gli ospedali. Quelle persone scendono dal treno e ti ringraziano", ha detto. "E' una lotta all'indietro".

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi