ELEZIONI, E’ ‘GUERRA’ TRA CENTRODESTRA E CENTROSINISTRA SULL’AGRICOLTURA. BOTTA E RISPOSTA

Con l'avvicinarsi del 4 marzo si scaldano i motori e gli animi dei partiti politici. Oggi un vero e proprio battibecco tra centrosinistra e centrodestra sul tema dell'agricoltura. A lanciare il sasso nello stagno è stato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina nonché vicepresidente del Pd che scrive in un post su facebook:

martina

FLAT TAX, MARTINA: BERLUSCONI E SALVINI VOGLIONO SMANTELLARE AIUTI AGRICOLI

"Dunque Silvio Berlusconi ieri in tv ha annunciato che, per lui, va cancellato il bonus verde che abbiamo introdotto per sostenere la cura del verde privato e il florovivaismo. Altro tassello di una strategia che rischia di essere davvero pericolosa. A conti fatti la coppia Berlusconi-Salvini, con la flat tax utile solo ai milionari, propone sostanzialmente l’azzeramento di tutte le agevolazioni anche in campo agricolo: dal gasolio agevolato, alle compensazioni Iva per la zootecnia, al prelievo sul reddito domenicale. Insomma, per i piccoli e medi imprenditori agricoli si rischia un salasso irrecuperabile. Ricordo che queste agevolazioni sono cruciali per consentire a tanti agricoltori e allevatori di potere andare avanti. È così che vogliono proteggere il Made in Italy?"

A rispondere è Elvira Savino, di Forza Italia:

AGRICOLTURA, SAVINO, FI: MARTINA SE NE RICORDA SOLTANTO ORA

“Sono mesi che Martina parla in qualità di vicesegretario del Pd, molto impegnato a occuparsi delle vicende interne al suo partito. Adesso, a pochi giorni dalle elezioni, Martina si ricorda di essere anche il ministro dell’agricoltura. Troppo tardi, il tempo è scaduto”.

Lo afferma Elvira Savino, candidata capolista di Forza Italia nella circoscrizione Puglia 2 alla Camera.

“Mi chiedo – aggiunge Savino - dov’era il ministro Martina quando gli ulivi della mia regione, la Puglia, sono stati flagellati dalla xylella? Dov’era quando le grandinate e i temporali hanno ripetutamente distrutto in questi anni interi raccolti con conseguenze gravissime per l’economia dei nostri territori? Dov’era quando addirittura il suo stesso PD votò al Parlamento europeo a favore dell’importazione senza dazi nella UE di 35mila tonnellate in più all’anno di olio d’oliva dalla Tunisia, danneggiando i nostri produttori? La verità è che Martina e il PD vedono sgretolarsi man mano quelle certezze elettorali che credevano di avere e hanno compreso che anche gli agricoltori voteranno in massa per il Presidente Berlusconi e per Forza Italia”.

Replica a sua volta Colomba Mongiello, Pd:

MONGIELLOIMPOSTE AGRICOLTURA, MONGIELLO: PD HA TAGLIATO 1,3MLD, DESTRA VUOLE AZZERARE TUTTO

"Il Partito Democratico ha tagliato 1,3 miliardi di tasse alle imprese agricole; il centrodestra propone l'azzeramento di tutte le agevolazioni necessarie alla sopravvivenza stessa delle aziende. Una differenza programmatica non da poco". Lo afferma l'on. Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura della Camera e candidata nel collegio plurinominale Puglia 1, commentando le "incoerenti esternazioni di Silvio Berlusconi, che vuol finanziare con i soldi delle piccole imprese una riforma fiscale utile a se stesso e al suo cerchio magico di milionari".

"Gli agricoltori, ancor più quelli meridionali, hanno già pagato a caro prezzo il disprezzo dei ministri leghisti e forzisti nei confronti delle direttive dell'Unione Europea sulle quote latte - continua Mongiello - Ora gli si prospetta un nuovo salasso utile all'introduzione della flat tax, cioè della più grande manovra di redistribuzione del redito a vantaggio dei ricchi.

Il Partito Democratico e i governi Renzi e Gentiloni hanno garantito all'agricoltura tutela e valorizzazione del made in Italy, sostegno alle filiere in crisi e alla competitività delle imprese, incremento dell'export, semplificazione burocratica, incentivi all'occupazione e all'imprenditorialità giovanile.

Mai, negli ultimi 20 anni, l'agricoltura e l'agroindustria hanno ottenuto tanta attenzione, politica e istituzionale - conclude Colomba Mongiello - tradotta in opportunità di sviluppo da un sistema imprenditoriale che il centrodestra vuole penalizzare e condurre al fallimento".

A rispodere è Paolo Russo, responsabile Agricoltura di Forza Italia:

paolo russoAGRICOLTURA, RUSSO: CON BERLUSCONI AGRICOLTURA SARÀ IN BUONE MANI

“Con Silvio Berlusconi l’agricoltura italiana sarà in buone mani e gli agricoltori potranno festeggiare finalmente una politica che riconosca e valorizzi il prodotto italiano”: così il deputato Paolo Russo, responsabile nazionale del dipartimento Agricoltura di Forza Italia.

“Non sprecheremo - aggiunge Russo-  come ha fatto il ministro dell’Agricoltura  Martina -  le risorse per l’internazionalizzazione delle aziende vitivinicole e soprattutto conteremo di più in Europa, a partire dalla promozione dei prodotti a marchio. È imbarazzante ricordare che nell’ultimo riparto europeo l’Italia, assente a Bruxelles, ha raccolto il 2.39 per cento di risorse come la Lituania lasciando che i paesi nostri competitor come la Francia, la Spagna e la Germania la facessero da padroni”.

“Insomma con un governo autorevole gli agricoltori italiani potranno essere orgogliosi delle loro aziende misurando nel mercato  utili d’impresa e soprattutto crescita”, conclude Russo.

E ancora, risponde a Russo il presidente della Commissione Agricoltura Luca Sani, Pd:

AGRICOLTURA, SANI, PD A RUSSO, FI: CI VUOLE CORAGGIO A DIRE CHE CON BERLUSCONI SAREBBE IN BUONE MANI

bilanzio 2017L’on Luca Sani, presidente della XIII commissione Agricoltura della Camera, risponde al deputato Paolo Russo, responsabile nazionale del dipartimento Agricoltura di Forza Italia

«Caro Russo – ribatte Sani – ci vuole onestamente un bel coraggio a sostenere che con Berlusconi l’agricoltura sarebbe in buone mani. Soprattutto tenuto conto dei risultati catastrofici che può vantare l’ultimo governo di centrodestra. La verità, amara, è che il ministero dell'agricoltura sarebbe appannaggio della Lega, che negli anni in cui ha governato ha portato solo sventura all’agricoltura nazionale, a partire dalla gestione disastrosa delle quote latte che ha lasciato all’Italia l’eredità di 4 miliardi di multa per lo sforamento delle quote latte». Tra l'altro – aggiunge Sani «proprio in queste ore Forza Italia annuncia l'eliminazione del bonus verde e di tutte le agevolazioni fiscali per gli agricoltori, che si troveranno così a finanziare la flat tax che andrebbe a esclusivo vantaggio di una piccola fetta di contribuenti molto ricchi. quelle di Berlusconi sarebbero mani bucate dalla flat tax e l’agricoltura avrebbe solo da rimetterci...».

«Con responsabilità e serietà – conclude l’on. Luca Sani - il Partito democratico si impegna a confermare la scelta della cancellazione di Imu, Irap e Irpef agricole, che hanno garantito una reale riduzione della pressione fiscale sulle imprese agricole italiane».

FLAT TAX, FIORIO, PD: SALASSO PER AGRICOLTORI

“Brunetta è in difficoltà e non sa di cosa parla quando si riferisce all'agricoltura. La verità è che con la Flat tax stanno preparando un salasso per gli agricoltori. Brunetta parla di disastri agricoli che sono invece frutto della debolezza del governo di cui faceva parte e che ci ha portato sull'orlo del baratro. Il partito democratico con il Ministro Martina ha attuato un taglio delle tasse vero per gli agricoltori, cancellando Imu Irap e Irpef agricole”.

Così Massimo Fiorio, deputato Pd e vice presidente della Commissione Agricoltura della Camera.

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi