FLOROVIVAISMO, COMAGRI CAMERA. AGRINSIEME E COLDIRETTI: PROPOSTA DI LEGGE MOLTO IMPORTANTE MA RIVEDERE TESTO PER CONTRASTI CON NORMATIVA VIGENTE

“Una Proposta di legge che vada a incardinare una cornice per l’attività florovivavistica è un atto importante e un percorso da sostenere e perfezionare” dichiara Coldiretti in comagri camera, nell’ambito delle audizioni sul settore florovivaistico.

“Emergono però alcune problematiche con la normativa precedente, poiché questa proposta di legge non tiene conto delle definizioni di imprenditore agricolo e delle nuove possibilità offerte dalla legge di orientamento. Ci deve essere una rivisitazione di alcune definizioni e di alcune attività e figure presenti nel settore florovivaistico perché non coerenti con la normativa precedente.

Complessivamente gli obiettivi che si pone questa legge sono condivisibili, contribuendo, con le dovute correzioni, al rilancio e allo sviluppo del settore. Nostra maggiore preoccupazione è la mancata coerenza rispetto la definizione di imprenditore agricolo e rispetto a quanto prevede la legge di orientamento. Va sicuramente rivisto il testo riformulandolo in coerenza con la normativa vigente” conclude Coldiretti.

“Per quanto concerne la filiera del florovivaismo questa proposta di legge era un passaggio molto importante e del quale si sentiva la necessità” afferma Agrinsieme nel corso del suo intervento.

“Una delle problematiche maggiori è la mancanza di dati, sarebbe importante focalizzare l’attenzione su un’analisi statistica sulle condizioni reali di questo settore, uscito da una grave crisi durata dieci anni.

Molto importante è poi attenzionare la possibilità di operare nelle attività agricole anche con interventi di manutenzione, che rimangono con IVA al 10%, e non al 22%, per continuare a far emergere la grande quantità di nero che esiste nel nostro settore” prosegue Agrinsieme.

“Sono poi fondamentali i distretti florovivaistici perché diventano un importante interlocutore tra l’attività produttiva e il mondo della politica, ma servono maggiori risorse.

Altrettanto importante è il tavolo tecnico sul florovivaismo in quanto occorre trasmettere le criticità del settore per poi dare vita a norme o leggi in aiuto.

È inoltre fondamentale e strategico sviluppare un piano di comunicazione, portando iniziative sulla cultura del verde, ma occorre continuità e trasversabilità” conclude Agrinsieme.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi