GELATE PUGLIA, DI GIOIA: SPIACE CHE CENTINAIO ABBIA SCELTO LA VIA DELLA POLEMICA. NON È RESPONSABILITÀ REGIONE

“La mancata declaratoria dello stato di calamità per le gelate di febbraio e marzo 2018 non è responsabilità della Regione Puglia. Spiace che il Ministro Centinaio abbia scelto la via della polemica per giustificare a migliaia di olivicoltori pugliesi l’impossibilità di emanare il decreto di declaratoria dello stato di calamità ai sensi della legge 102 del 2004”. Così l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, rispondendo alle dichiarazioni del Ministro del Mipaaft, Gian Marco Centinaio.

“In verità la Regione, con le delibere di luglio e settembre – sottolinea l’assessore -, ha chiesto la deroga agli articoli di legge che impedivano l’accesso ai benefici per le colture previste nel Piano assicurativo, tra cui l’olivicoltura, attuando una modalità già ampiamente usata negli anni. Quella delle deroghe, infatti, è prassi in presenza di eventi la cui portata è tale da essere quasi catastrofica. Una modalità attuata dal Ministero e recepita anche dal Parlamento in una casistica culminata, per esempio, con provvedimenti concessi nel 2017 per terremoto e gelate. Tutto questo oggi sembra irrealizzabile. Si adducono problemi legislativi che mai avevano avuto dignità o problemi procedimentali ampiamente superati negli scorsi anni”.

“Ringrazio i parlamentari di maggioranza e minoranza per aver proposto univoci emendamenti da cui si evince chiaramente che la necessità è quella di derogare al piano assicurativo nazionale e di aver con ciò essi stessi chiarito che non esiste alcun problema di ritardi da sanare”.

“Ora sarebbe necessario continuare uno sforzo corale – prosegue - per trovare l’idoneo provvedimento in grado di accogliere questa soluzione legislativa per rendere giustizia ad un comparto vitale della Puglia che chiede solo di essere trattato alla pari di altri in un momento in cui, agli eventi negativi della Xylella, si sommano quelli devastanti dei cambiamenti climatici. Niente di trascendentale. Al Ministro Centinaio – conclude di Gioia - chiedo di continuare ad essere quel pugliese di adozione che abbiamo apprezzato sin dall’inizio del suo mandato e che con noi ha visitato i campi del Salento, promettendo soldi e regole nuove per fare quello che fino ad oggi nessuno era stato in grado di fare. Ovvero arginare una batteriosi incurabile per la scienza e per la tecnica agronomica. Ci sarà tempo e luogo per accertare le responsabilità. Ora risolviamo i problemi. Con onore e lealtà in nome di una condivisa idea: prima l’agricoltura e gli agricoltori, poi le polemiche”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi