GIORNATA API, VALLARDI: GARANTI DELLA BIODIVERSITA, CRESCE IL NUMERO. ORA MIGLIORARE PIANI APICOLI NAZIONALI

print

"Il futuro delle api è il nostro futuro. Nella giornata mondiale delle api e’motivo di gioia l'aumento del numero di api in Italia (e non solo), api che numerose stanno ritornando nei nostri territori anche grazie alla riduzione dell'inquinamento. La loro presenza è preziosa per l'equilibrio e l'armonia dell'ambiente naturale e dell'ecosistema".

Così ad AGRICOLAE il presidente della commissione Agricoltura del Senato Giampaolo Vallardi ricordando come fu proprio con l'allora ministro Mipaaf Luca Zaia che si risolse la questione moria di api, sospendendo l'utilizzo di neonicotinoidi individuati allora dal mondo scientifico come tra le maggiori cause.

Cresce - e questo "è motivo di grande soddisfazione" - anche la produzione di miele.

"L'apicultura è un settore fondamentale e strategico per la biodiversità e dobbiamo incoraggiarne sempre maggiormente l'espansione, anche come possibilità professionale per tanti giovani italiani ingegnosi e volenterosi", prosegue Vallardi.

"È necessario migliorare i programmi apicoli formulati a livello nazionale, facendo in modo di coinvolgere pienamente gli operatori del settore, aiutando e supportando la commercializzazione dei relativi prodotti anche a livello internazionale. In questo momento così delicato per l'economia italiana e, in particolare, per il settore agricolo, l'apicultura deve avere un occhio di attenzione da parte delle Istituzioni e della Politica, nazionale e della Unione europea, ricevendo aiuti economici, finanziari strumentali in modo che possa divenire il volano dell'importantissimo mondo degli allevamenti e dell' "Universo eno-gastro-agro-alimentare" , conclude.