INDUSTRIA ALIMENTARE, ISMEA: RISALE IL CLIMA DI FIDUCIA. ECCO IL REPORT

Coerentemente con i segnali di una lieve ripresa dell’economia nazionale il clima di fiducia dell’industria alimentare italiana ha fatto segnare, nell’ultimo trimestre del 2013, un miglioramento rispetto allo stesso periodo del 2012. È quanto emerge dalla consueta indagine trimestrale di Ismea sul clima di fiducia degli operatori industriali, condotta a dicembre su un panel di 1.200 aziende del settore.

L’indice, seppure in terreno negativo con un valore di -4,3 (in un campo di variazione compreso tra -100 e + 100), ha chiuso con un recupero di 9 punti su base annua, confermando il livello del terzo trimestre 2013.

Si consolida quindi la tendenza al miglioramento della fiducia delle industrie alimentari già rilevata a partire dal secondo trimestre dell’anno, seguita a un pessimo avvio del 2013.

A incidere positivamente sui giudizi degli operatori sono stati la buona tenuta degli ordini, trainati dalla domanda estera, e il deconsolidamento delle scorte. Peggiorano invece le attese produttive di breve periodo anche per fattori stagionali legati al consueto rallentamento delle attività dopo le festività di fine anno.

A livello settoriale, i risultati mostrano una situazione piuttosto diversificata: pochi segmenti si distinguono per una performance positiva (olio di oliva, molitoria e dolciaria), altri presentano un miglioramento della fiducia, ma un indice ancora negativo (pane, acque minerali e bevande analcoliche, carni rosse), mentre quasi la metà dei settori, oltre a mostrare un indice negativo, accusa un peggioramento della fiducia rispetto al trimestre precedente (lattiero-caseari, elaborati di carne, prima lavorazione delle carni bianche, ittico, pastario, mangimistica, vini, gelati). Infine, registrano un indice positivo ma accusano un peggioramento su base trimestrale ortofrutta, riso e prodotti da forno.

A livello territoriale, l’indicatore assume un valore negativo nelle due aree del Nord e positivo nel Centro e nel Sud Italia. Su base trimestrale, cala la fiducia delle imprese del Nord Ovest e di quelle del Centro, mentre migliora nel Nord Est e nel Mezzogiorno.

In generale - rivela l’indagine Ismea - le imprese dell’industria alimentare nazionale sono riuscite comunque a incrementare nel 2013 il fatturato rispetto all’anno precedente, migliorando anche sul piano competitivo.

Su tale risultato è stato determinante l’andamento del mercato estero, specie di quello esterno all’Eurozona, che ha finito col premiare le imprese dei settori maggiormente export-oriented come paste e prodotti da forno.

L’intero report comprensivo di grafici e tabelle è scaricabile su

http://www.ismeaservizi.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/3624

Per saperne di più

REPORT ISMEA CONGIUNTURA INDUSTRIA ALIMENTARE

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi