INTERROGAZIONE ARACRI, FORZA ITALIA SENATO, SU POSIZIONI DIRIGENTI APICALI ENEA

Atto Senato Interrogazione a risposta scritta 4-04315 presentata da FRANCESCO ARACRI , FORZA ITALIA, martedì 21 luglio 2015, seduta n.487
ARACRI - Al Ministro dello sviluppo economico sull'ENEA per sapere se corrisponda al vero che, a seguito di tale riorganizzazione, dirigenti di ricerca in posizioni apicali sarebbero stati, senza particolari motivazioni, totalmente estromessi da qualsiasi posizione di struttura e dagli incarichi precedentemente ricoperti, attraverso procedure poco trasparenti, in alcuni casi con una probabile discriminazione anche di tipo politico, che ha di fatto provocato un depauperamento delle risorse e competenze sulle quali l'Agenzia aveva precedentemente investito;
- Premesso che:

l'ENEA è l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, conta 9 centri sul territorio nazionale e oltre 2.700 dipendenti. La sua attività è incentrata sulla ricerca, l'innovazione e la prestazione di servizi avanzati alla pubblica amministrazione, alle imprese e ai cittadini;

opera nel settore dell'efficienza energetica, delle fonti rinnovabili, dell'energia nucleare, nonché dispone di laboratori ed impianti sperimentali e di capacità di innovazione tecnologica anche in settori quali quello del patrimonio artistico, l'agroalimentare, l'ambiente, il clima e la salute;

L'ENEA ha recentemente proceduto ad un'operazione definita di "efficientamento organizzativo";

a tal fine, ha disposto una procedura selettiva per incarichi dirigenziali di II fascia per la scelta dei direttori di dipartimento ed una seconda procedura di autocandidatura per la scelta dei responsabili delle 18 divisioni dei dipartimenti tecnico-scientifici;

in data 30 giugno 2015, l'Agenzia ha emanato la relativa circolare con la nuova struttura organizzativa e la nomina dei responsabili e degli organici;

tale riorganizzazione avrebbe portato alla cancellazione di circa 150 posizioni di responsabilità di unità funzionali dell'Agenzia con relative indennità di incarico;

da notizie in possesso dell'interrogante vi sarebbero numerose richieste di accessi agli atti e altrettanti numerosi ricorsi legali da parte di partecipanti alle procedure selettive;

a giudizio dell'interrogante, la situazione è grave e paradossale e necessita di una celere risoluzione; non è concepibile che si proceda in tale maniera per individuare persone che andranno a ricoprire incarichi dirigenziali,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo abbia seguito con attenzione e abbia evidenza della trasparenza dell'intera operazione;

se risulti che i criteri di valutazione utilizzati nelle due procedure selettive siano stati equi ed in particolare se abbiano tenuto conto dell'esperienza maturata internamente all'Agenzia o esternamente ad essa, e se sia vero che tra i criteri di selezione non si sia tenuto alcun conto del livello di inquadramento pervenendo alla situazione paradossale per cui semplici ricercatori si ritrovano a coordinare dirigenti di ricerca di primo livello;

se corrisponda al vero che i criteri di selezione sarebbero stati pubblicati successivamente al ricevimento delle domande di partecipazione e se risulti vero che i colloqui sarebbero avvenuti a porte chiuse e nessun rappresentante dei lavoratori o altri testimoni avrebbero potuto assistere ai colloqui, a tutela dei lavoratori stessi;

se ritenga che di tali criteri non ci sia stata un'applicazione scorretta o parziale; se sia vero che sarebbe stato attribuito il punteggio di responsabili di progetto a soggetti che erano semplici referenti scientifici (o neppure) e non sarebbero stati considerati, in maniera surrettizia, i titoli post lauream posseduti dai candidati;

se risulti che dall'andamento dei punteggi dei titoli e dei colloqui non si siano evidenziati aggiustamenti, anche notevoli, al fine di nominare comunque persone già identificate a monte delle procedure, e per quali ragioni per la scelta dei responsabili dei laboratori non siano state utilizzate analoghe procedure selettive a quelle per i dipartimenti e le divisioni;

se corrisponda al vero che, a seguito di tale riorganizzazione, dirigenti di ricerca in posizioni apicali sarebbero stati, senza particolari motivazioni, totalmente estromessi da qualsiasi posizione di struttura e dagli incarichi precedentemente ricoperti, attraverso procedure poco trasparenti, in alcuni casi con una probabile discriminazione anche di tipo politico, che ha di fatto provocato un depauperamento delle risorse e competenze sulle quali l'Agenzia aveva precedentemente investito;

se risulti che l'annullamento delle circa 150 posizioni di responsabilità a seguito dell'operazione, che al contempo sta causando forti critiche sindacali, non comporti crescenti difficoltà organizzative per l'Agenzia;

se ritenga che in alcune nomine nel settore nucleare non ci sia un'evidente volontà di smantellare la ricerca a favore di attività lucrose a vantaggio della società Sogin e collegate, e se non vi siano incompatibilità nelle nomine effettuate per conflitto di interessi fra posizioni di vertice in società partecipate e di direzione dell'Agenzia;

se ritenga che lo stato di commissariamento dell'Agenzia, con alla guida un vertice di acclarata provenienza partitica, peraltro part-time con altri incarichi che ne limitano la presenza presso gli uffici dell'ENEA, non comporti una gestione più di maquillage politico che di visione e competenza tecnico-scientifica e se non sia il caso di provvedere al più presto alla nomina di un consiglio di amministrazione di elevato e acclarato livello scientifico che miri al rilancio delle attività di ricerca nell'importante settore dell'energia e dello sviluppo tecnologico di cui il nostro Paese ha assoluto bisogno.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi