INTERROGAZIONE M5S SU QUOTE LATTE PER GARANTIRE RISCOSSIONE SOMME DOVUTE DAI PRODUTTORI SPLAFONATORI

Atto Camera Interrogazione a risposta in commissione 5-03152 presentato da Filippo Gallinella, M5S, giovedì 3 luglio 2014, seduta n. 256 al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, al Ministro dell'economia e delle finanze per sapere di quali ulteriori elementi dispongano i Ministri interrogati in relazione a quanto espresso in premessa e come intendano procedere per garantire in tempi brevi la riscossione delle somme dovute dai produttori che non rientrano nel regime di pagamento rateale specie con riferimento a quegli importi esigibili che risultano contestati o che siano stati confermati dal giudice competente a seguito di contestazione, oppure oggetto di contenzioso in corso senza che siano stati emanati provvedimenti sospensivi.

Qui di seguito Agricolae riporta il testo integrale

. — Per sapere – premesso che:

la decisione 2003/530/CE del Consiglio, del 16 luglio 2003, sulla compatibilità con il mercato comune di un aiuto che l'Italia ha inteso concedere ai suoi produttori di latte sostituendosi ad essi nel pagamento degli importi dovuti all'Unione a titolo di prelievo supplementare sul latte e sui prodotti lattiero-caseari per i periodi dal 1995/96 al 2001/02, prevede che le Autorità italiane riferiscano annualmente al Consiglio e alla Commissione europea in merito ai progressi da esse compiuti nel recupero dei suddetti importi;

conformemente alla succitata disposizione, le autorità italiane nell'ottobre 2013 hanno presentato alla Commissione la loro nona relazione, concernente il pagamento della rata 2012, a seguito della quale l'esecutivo comunitario ha esposto le sue valutazioni sui progressi fatti dal nostro Paese nel recupero del prelievo supplementare sia nei periodi contemplati dalla decisione del Consiglio che in quelli non contemplati da detto provvedimento;

nella relazione della Commissione europea al Consiglio relativa alla valutazione della situazione comunicata dall'Italia in merito al recupero degli importi in questione, emerge che le autorità italiane stanno procedendo in termini molto soddisfacenti nel garantire il rispetto del meccanismo di rimborso rateale e la riscossione definitiva dell'ammontare dovuto, mentre appare del tutto insoddisfacente l'impegno profuso dall'amministrazione italiana nella riscossione dei prelievi dovuti dai produttori esclusi dal regime di pagamento rateale in seguito al mancato pagamento di una rata, tanto più se si considera che tali produttori, per poter partecipare al regime di pagamento rateale, hanno rinunciato all'esercizio dell'azione penale e pertanto il mancato recupero non sembra imputabile ad eventuali lungaggini dei procedimenti giudiziari;

nonostante le ripetute richieste della Commissione europea sui diversi aspetti relativi alla riscossione del prelievo non incluso nel meccanismo di pagamento rateale, le autorità italiane non hanno ad oggi recuperato la maggior parte dei prelievi dovuti e le informazioni trasmesse dall'Italia nella relazione sulla nona rata, non evidenziando alcun progresso di rilievo nell'effettiva riscossione del prelievo in parola, non garantiscono l'efficienza e l'efficacia del diritto dell'Unione europea, motivo per il quale l'esecutivo comunitario ha aperto un procedimento di infrazione a norma dell'articolo 258 del TFUE –:

di quali ulteriori elementi dispongano i Ministri interrogati in relazione a quanto espresso in premessa e come intendano procedere per garantire in tempi brevi la riscossione delle somme dovute dai produttori che non rientrano nel regime di pagamento rateale specie con riferimento a quegli importi esigibili che risultano contestati o che siano stati confermati dal giudice competente a seguito di contestazione, oppure oggetto di contenzioso in corso senza che siano stati emanati provvedimenti sospensivi. (5-03152)

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi