L’ABBATE E GAGNARLI SULLA PDL AGRICOLTURA SOCIALE: BOCCIATA ANCHE DALLA RAGIONERIA DELLO STATO

Anche la Ragioneria di Stato ha bocciato, in parte, il testo della proposta di legge sull’Agricoltura Sociale. L’avevamo più volte affermato in Commissione ed in sede di Comitato Ristretto – dichiarano i deputati Giuseppe L’Abbate e Chiara Gagnarli (M5S) – che questa legge non doveva comportare oneri a carico dello Stato e, invece, la maggioranza con le sue diverse modifiche ha comportato un mancato gettito per le casse pubbliche”. La Ragioneria di Stato, infatti, ha sottolineato come l’equiparazione delle cooperative alle aziende agricole comporterebbe una mancanza di gettito, e quindi entrate inferiori, per lo Stato Italiano. “Se la maggioranza vuole uscire dall’impasse e licenziare una legge veramente valida, le consigliamo di votare gli emendamenti che abbiamo presentato. Ci attendiamo un’accelerata, come lo stesso viceministro Olivero aveva annunciato, per approvare la legge nel più breve tempo possibile e senza intestardirsi con idee che poco hanno a che fare con il vero obiettivo di questa legge – concludono Gagnarli e L’Abbate – e che porterebbero ad ulteriori stop nel suo iter di approvazione”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi