LATTE BUFALA, RISOLUZIONE M5S: ESTENDERE A TUTTA ITALIA SISTEMA REGISTRAZIONE INFORMATICA IN USO PRESSO REGIONE CAMPANIA

Risoluzione in commissione 7-00405 presentata come prima firmataria da Silvia Benedetti del Movimento Cinque Stelle Mercoledì 9 luglio 2014, seduta n. 260

La XIII Commissione,

premesso che:   

ai fini della tracciabilità della produzione di latte di bufala, è attiva sul portale del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, una specifica applicazione telematica, accessibile tramite credenziali personali, che consente la trasmissione dei dati all'amministrazione;

 il decreto ministeriale n.  473 del 14 gennaio 2013 riporta le disposizioni nazionali per la rilevazione della produzione di latte, e di bufala in attuazione dell'articolo 7 delle legge 3 febbraio 2011, n. 4, prevede l'obbligo, da parte degli allevatori bufalini, di registrare giornalmente il quantitativo di latte prodotto da ciascun animale bufalino presente in stalla e in produzione e di trasmettere i dati al Sistema informativo agricolo nazionale (SIAN) secondo le modalità di cui all'articolo 5 del medesimo decreto;

la circolare attuativa ministeriale PQA 7013 473del del citato decreto n.22 aprile del 2013 dispone l'obbligo per l'allevatore di trasmettere con cadenza mensile, entro i primi 10 giorni lavorativi del mese stesso, la dichiarazione dei dati di produzione del primo giorno del mese per singolo capo bufalino unitamente all'indicazione del numero delle bufale in produzione e al quantitativo di latte di massa prodotto per il mese precedente;

l'allevatore ha inoltre l'obbligo di trasmettere, entro il primo giorno lavorativo di ciascuna settimana del mese, la dichiarazione settimanale con i quantitativi di latte di massa prodotti nella settimana precedente;

il piano attuale dei controlli presenta alcune criticità tra le quali: la scarsa rappresentatività, posto che la violazione dell'obbligo di trasmissione dei dati non prevede alcuna sanzione e pertanto ad oggi solo poche decine di allevatori risultano iscritti, il sistema di registrazione della produzione, in quanto la cadenza settimanale o mensile con la quale le quantità sono riportate rende difficile la verifica della tracciabilità e l'impossibilità di rilevare eventuali ingressi di latte da Paesi stranieri poiché il monitoraggio è limitato alla quantità e non riporta il dato preciso sulla provenienza e destinazione;

110, seduta del 27 con deliberazione n. maggio 2013 la regione Campania ha stabilito di estendere a tutti gli operatori della filiera lattiero-casearia bufalina, che operano sul territorio amministrativo della regione, la richiesta di aderire ad un sistema volontario di tracciabilità di filiera, al fine di garantire la leale concorrenza del mercato, la sicurezza dei consumatori, ma soprattutto la trasparenza, la reputazione e la credibilità del comparto campano, rafforzando e completando le 4 del 3 febbraio 2011, attraverso una specifica misure introdotte dalla legge n. piattaforma informatica, realizzata in collaborazione con l'assessorato alla sanità e con l'Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno di Portici-ORSA;

il progetto, denominato «S.I.T.A. sistema informatico per  la gestione della tracciabilità e rintracciabilità nella filiera agroalimentare», è stato approvato con la DGR 1543 dell'8 ottobre 2009;

il sistema informatico si basa sull'utilizzo, da parte dei diversi segmenti della filiera di una piattaforma che consente agli allevatori l'inserimento dei dati relativi alle produzioni quantitative giornaliere di latte e alla sua destinazione, ai trasportatori l'inserimento dei dati relativi al latte movimentato e ai caseifici l'inserimento dei dati relativi al latte in entrata e ai derivati prodotti;

per quanto attiene alla norma sulla separazione degli stabilimenti l'uso della piattaforma consente di dimostrare inequivocabilmente la provenienza del latte bufalino dall'areale della DOP mentre con riferimento agli obblighi sulla tracciabilità del latte bufalino la piattaforma permette l'elaborazione del dato del latte prodotto settimanalmente;

il sistema prevede inoltre l'incrocio dei dati dell'anagrafe bufalina dell'Istituto zooprofilattico di Teramo con il quantitativo giornaliero del latte di massa nonché con i prodotti da esso derivati;

consente di tracciare e monitorare lungo tutta la filiera i flussi di materia prima e di prodotto realizzato, per evitare che nel sistema entri latte non idoneo;

aderiscono attualmente al sistema campano 834 allevatori che conferiscono i dati relativi alla quantità giornaliera e alla destinazione del latte;

la gestione della piattaforma informatica è affidata all'Osservatorio regionale sulla sicurezza alimentare, costituito dagli assessorati regionali all'agricoltura e sanità e dall'Istituto zooprofilattico sperimentale per il Mezzogiorno, che opera anche con verifiche in campo finalizzate alla validazione dei dati introdotti nel sistema dai vari soggetti,

impegna il Governo

ad assumere iniziative per estendere all'intero territorio nazionale l'uso del sistema di registrazione informatica già disponibile presso la regione Campania in collaborazione con l'Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno, anche tramite accordo interministeriale.

(7-00405) «Benedetti, Massimiliano Bernini, Gagnarli, L'Abbate, Lupo, Parentela, D'Ambrosio, Luigi Gallo, Silvia Giordano, Tofalo».

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi