LEGGE DELEGAZIONE EUROPEA, COMAGRI SENATO. LE DICHIARAZIONI DI COLDIRETTI, CONFAGRICOLTURA, CIA, COPAGRI E FEDERALIMENTARE

Si è svolta oggi in Commissione Politiche dell’Unione europea l’audizione di rappresentanti di Coldiretti, Confagricoltura, COPAGRI e Federalimentare, sul disegno di legge n. 1721 (Legge di delegazione europea 2019).

Coldiretti:

Promozione energia da fonti rinnovabili. Serve precisazione del criterio di delega, manca inoltre un preciso riferimento alla valorizzazione di sistemi di produzione di energia da biogas e biometano.

Su pratiche commerciali sleali. Incaricata della vigilanza è l’autorità garante della concorrenza del mercato che può avvalersi del supporto della guardia di finanza. Si dovrebbe però valorizzare l’ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione delle frodi con il supporto di Ismea.

È importante nell’applicare la direttiva creare una categoria precisa di pratiche sleali esclusivamente legate all’accertamento del costo. In periodo di covid infatti abbiamo visto affermarsi pratiche sleali in regioni a vocazione lattiero caseario dove è stato ingiustificatamente ridotto il prezzo creando problematiche che possono essere lette unicamente alla luce della posizione dominante dell’impresa di trasformazione sul mercato.

Confagricoltura:

C’è un minimo aumenti di dotazione per la rubrica agricola, rafforzato dalla possibilità dei 15 miliardi che la strategia “next generation” metta a disposizione per lo sviluppo rurale. Quindi sarà una dotazione finalizzata esclusivamente allo sviluppo rurale per finanziare la transizione verso il new deal ed io farm to fork ma sicuramente è un aspetto positivo che interessa il nostro settore.

Art. 5, positivo aspetto legato a semplificazione dei meccanismi per ottenimento dei finanziamenti e per l’attività di formazione.

Art. 7, sulle pratiche sleali. Recepimento di questa direttiva permette di rafforzare alcuni principi, finalmente a livello comunitario, che noi come Italia abbiamo acquisito già da dieci anni. Tra gli aspetti della direttiva importante sarà garantire la riservatezza del denunciante.

Cia:

Bene il divieto delle aste a doppio ribasso, si va nella direzione indicata da Cia-Agricoltori Italiani. Sono attività distorsive del mercato che ledono la dignità dei produttori agricoli e minano la stabilità dei loro redditi, sfruttandone la frammentazione e la debolezza lunga la filiera. 

Copagri:

Il testo contiene delle indicazioni di estrema importanza per il comparto primario e che vanno ad integrare la normativa nazionale.

Art. 5, sulla promozione energia da fonti rinnovabili. Auspichiamo che ministero dello sviluppo economico si confronti con le organizzazioni per stabilire le zone idonee alla creazione di impianti per energie rinnovabili. È necessario evitare distorsioni dell’uso del suolo identificando correttamente le aree interessate.

Art. 7, su pratiche commerciali sleali. Testo molto atteso da comparto primario e valutiamo positivamente l’articolato.

Federalimentare:

Sulle pratiche commerciali sleali. È sicuramente un fatto positivo che le istituzioni comunitarie abbiano adottato questa norma a livello europeo e dunque in maniera omogenea e armonizzata per tutti gli stati membri. È rilevante che la direttiva interviene su un ordinamento nazionale che già prevede una normativa consolidata di contrasto a pratiche sleali nella filiera alimentare. Dovrà perciò essere un recepimento che tenga conto di un sistema già collaudato a livello nazionale, auspichiamo che il governo organizzi a tal proposito un tavolo.

Quando parliamo di tutela dai cibi non vogliamo che questo principio si traduca in discriminazione su singole categorie di prodotti. L’educazione alimentare si deve basare su una dieta equilibrata e variata, non si può distinguere tra alimenti buoni e cattivi ma serve piuttosto avere un approccio molto più ampio. Ed è un principio da tenere a mente in questa direttiva e che ci vede alleati col governo nella battaglia contro il nutriscore o l’etichettatura a semaforo.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi