MADE IN ITALY, ASIAGO DOP, PRODUZIONE AUMENTATA 4,8% E VENDITE +19%

Nel 2017, la produzione di Asiago DOP Stagionato è aumentata del 4,8% rispetto all’anno precedente, con quotazioni in crescita dell’8% (dato dicembre 2017 su dicembre 2016) e vendite a +19,1%, ovvero ai massimi degli ultimi dieci anni.

FORMAGGIO ASIAGO FRESCO
Il formaggio Asiago Fresco, chiamato anche pressato, viene prodotto con latte intero e fatto maturare per almeno 20 giorni. Il colore è bianco o leggermentepaglierino, ed è caratterizzato daun’occhiatura marcata e irregolare e dal sapore di latte appena munto; è delicato e gradevole, e si scioglie piacevolmente in bocca lasciando un’irresistibile nota dolce e lievemente acidula
SE È DOP, LO VEDI SUBITO
Il formaggio Asiago è inconfondibile al primo sguardo. Ogni fetta si riconosce dalla scritta “ASIAGO” sulla crosta, mentre ogni forma riporta il numero del caseificio che l’ha prodotta e un proprio codice identificativo nella placchetta di caseina. Una garanzia di totale tracciabilità che solo la DOP sa dare
UN SAPORE CHE NASCE IN MONTAGNA
Il formaggio Asiago nasce sull’Altopiano di Asiago, un luogo immerso nella natura dove il clima mite, l’aria salubre, l’acqua pura e la ricca vegetazione forniscono ai pascoli il nutrimento più adatto a produrre un latte genuino che diventa un formaggio inconfondibile nel gusto, naturale, salutare, lavorato secondo un rigido disciplinare. Dietro l’Asiago DOP c’è una storia millenaria, fatta di tradizioni alpine che si conservano e si arricchiscono ogni giorno

STORIA DEL CONSORZIO

Il Consorzio di tutela del formaggio Asiago, dal 1979, garantisce che solo il formaggio che rispetta il disciplinare di produzione sia chiamato, riconosciuto e venduto come Asiago, tramandandone la tradizione e rafforzandone l’identità.
La filiera dell'Asiago DOP comprende 1.595 aziende di allevamento, 43 aziende produttrici e 5 di stagionatura (dati anno 2016) che lavorano ogni anno oltre 2.200.000 quintali di latte.

1978

L’Asiago è riconosciuto come formaggio DOC
con decreto del Presidente della Repubblica italiana

1979

Nasce il Consorzio tutela formaggio Asiago

Per iniziativa della Camera di Commercio di Vicenza si costituisce l’attuale Consorzio di tutela del formaggio Asiago.

1980

Distribuzione delle fascere marchianti

Le forme di Asiago ora possono essere marchiate.

1983

La produzione supera il milione di forme

Un risultato importante che pone l’Asiago tra le prime DOP d’Italia.

1989

Asiago DOP in campagna televisiva nazionale con "Asiago, come te non c'è nessuno!"

1994

La produzione supera il milione e mezzo di forme

L'Asiago rinforza ulteriormente la sua notorietà.

1996

Riconoscimento dell’Unione Europea dell’Asiago come formaggio DOP

L’Asiago è pronto per affrontare la sfida di nuovi mercati.

2003

Approvazione del nuovo statuto e del nuovo disciplinare

Il Ministero delle Politiche Agricole ratifica la nuova disciplina per la produzione.

2006

Il nuovo disciplinare

Il 3 agosto  viene decretato il nuovo Disciplinare Asiago DOP.

2009

Il Consorzio festeggia il 30° anno di attività

Produzione ed export volano, aumentando del 30%.

2011

Introduzione dell'analisi sensoriale

L'analisi sensoriale entra nel Disciplinare di produzione e diviene obbligatoria per tutti i produttori.

2014

Piano di crescita

Il Consorzio introduce il primo piano di crescita programmata per il triennio 2014-2016.

2015

EXPO 2015

Consorzio di Tutela è testimonial del valore della biodiversità a EXPO 2015 e firma la Carta di Milano

2017

Piano di regolazione dell'offerta

Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali approva il piano di regolazione dell'offerta 2017-2019

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

ISMEA-QUALIVITA, SETTORE DOP VALE 15,2 MILIARDI (+2,6%). ITALIA PRIMA PER PRODOTTI REGISTRATI. FIORENTINO (MIPAAFT): FARE SISTEMA E SUPERARE DIVISIONI
13/12/2018

ISMEA-QUALIVITA, SETTORE DOP VALE 15,2 MILIARDI (+2,6%). ITALIA PRIMA PER PRODOTTI REGISTRATI. FIORENTINO (MIPAAFT): FARE SISTEMA E SUPERARE DIVISIONIISMEA

La dopeconomy vale 15,2 miliardi e non accenna a fermarsi, con una crescita che registra un +2,6%. Questo è quanto emerge dal rapporto 2018 Ismea-Qualivita, che analizza i valori economici e produttivi della qualità agroalimentare e vitivinicola DOP IGP, che coinvolge 197.347 operatori e contribuisce per il 18% al valore […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi