VINO, FIORIO, PD: CHI VUOLE DANNEGGIARE OLTREPO PAVESE?

Potrebbe essere in atto un pericoloso processo di destabilizzazione di un territorio a vocazione vinicola tra i più pregiati d’Italia ricco di aziende e competenze che garantiscono da anni qualità e tipicità”: questo l’allarme lanciato dai deputati Pd Alan Ferrari e Massimo Fiorio sulle vicende che stanno caratterizzando i luoghi di produzione dell’Oltrepò Pavese.
 
“Ieri sono state infatti sequestrati 170mila ettolitri di vino falsificato nell’azienda ‘Terre d’Oltrepò’, la prima impresa del settore della Lombardia; mentre da mesi un'altra realtà altrettanto importante della zona come la “Cantina ‘La Versa’ sta attraversando un periodo di incertezza rispetto alla continuità produttiva ed occupazionale dovuta ad un complesso riassetto organizzativo della proprietà”.
 
“E’ quindi palese – continuano Alan Ferrari e Massimo Fiorio – che il susseguirsi di tali episodi rischia di compromettere non solo l’immagine di una delle ricchezze del Made in Italy agroalimentare ma anche di un settore irrinunciabile del sistema sociale, economico, lavorativo ed ambientale di una vasta area. Di concerto con le istituzioni locali, i consorzi dei produttori e le associazioni sindacali monitoreremo con attenzione lo sviluppo della situazione ed i suoi risvolti giudiziari”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi